A rischio l’habitat e la biodiversità delle coste calabresi: l’allarme lanciato da 120 biologi marini di tutto il mondo

Le profondità marine del Tirreno lungo le coste di Campania, Calabria, Sicilia e Sardegna sono tra gli habitat più vulnerabili del Mediterraneo, la cui biodiversità è minacciata dalle attività di pesca indiscriminate e dal possibile sfruttamento minerario. E’ quanto emerge dalla mappa realizzata da 120 biologi marini di tutto il mondo per individuare le priorità nella protezione degli oceani, pubblicata sulla rivista Nature ecology and evolution e promossa dal presidente della Stazione zoologica “Anton Dohrn”, Roberto Danovaro.

L’articolo prosegue su Ambiente Tiscali.